Integrazione

Alimentazione e Sport

alimentazione e sport

Che sia per hobby, per lavoro, per diversione, a livello amatoriale o agonista, lo sport riveste un ruolo fondamentale per l’essere umano su tutti i fronti: fisiologico, sociale, psicologico ed emotivo.

Lo sport non ha età ma, a seconda dell’età e della tipologia di attività svolta, è importante assicurare al proprio corpo un adeguato sostentamento. Affinché, infatti, si possano trarre i maggiori benefici dall’attività fisica bisogna essere certi di preparare, sostenere e ricompensare il nostro corpo attraverso ALIMENTAZIONE e RECUPERO sufficienti, pena si rischia di fare più danni che guadagni, non tanto in acuto quanto in cronico.

Nel caso di sportivi agonisti e/o professionisti o comunque di attività molto intense il fabbisogno aumenta nettamente. Ne consegue la necessità di far fronte alla maggiore richiesta energetica, principalmente attraverso una DIETA NORMOCALORICA o RELATIVAMENTE IPERCALORICA che sia in grado di supportare lo SFORZO e contribuire positivamente alla PERFORMANCE dell’atleta.

Per essere pienamente efficiente la dieta deve essere, poi, basata su un’ADEGUATA RIPARTIZIONE DEI MACRONUTRIENTI :

  • La QUOTA PROTEICA è importante che sia calcolata ad personam e che si includano in essa fonti proteiche ad ALTO VALORE BIOLOGICO. Qualora non si riesca a far fronte alla quantità stabilita si può INTEGRARE con, ad esempio, proteine in polvere. In generale è consigliabile includere degli AMMINOACIDI ESSENZIALI (EAA) completi di BCAA (amminoacidi ramificati) soprattutto nel POST ALLENAMENTO/PERFORMANCE.
  • I GRASSI hanno la loro importanza, soprattutto gli ESSENZIALI come gli OMEGA3, considerati, questi ultimi, degli ANTINFIAMMATORI NATURALI oltre ad essere i garanti nell’assorbimento di VITAMINE LIPOSOLUBILI (A,D,E,K).
  • Il 50-60% delle Kcal/die dovrebbe essere rappresentato dai CARBOIDRATI, la benzina e la fonte di energia primaria per le nostre cellule. Nel caso di difficoltà nel rispettare la quantità prevista o per via di specifiche necessità si può ricorrere all’INTEGRAZIONE attraverso MALTODESTRINE, VITARGO, CICLODESTRINE, GAINERS ecc., poiché a rapido assorbimento, con breve permanenza a livello gastrico e di pratica assunzione.

In alcuni casi può rivelarsi proficuo curare il TIMING di assunzione dei MACRONUTRIENTI, sia esso in base alla capacità/preferenza individuale o in relazione alla tipologia di attività svolta e/o all’entità dello sforzo previsto. (Ad esempio, nel caso del calcio, nel post partita, si consiglia spesso di abbinare una piccola quota proteica ai carboidrati per stabilizzare i livelli glicemici ed evitare eventuali stati di ipoglicemia reattiva).

Oltre ai macronutrienti non va però sottovalutato il ruolo attivo dei MICRONUTRIENTI: VITAMINE E MINERALI andrebbero INTEGRATI e REINTEGRATI quotidianamente.

Non a caso il termine “vitamina” deriva dal latino e significa “anima di vita”: le vitamine sono, infatti, sostanze appartenenti ai bioregolatori, fondamentali ed indispensabili per la vita. Integrare con un buon multivitaminico consente di scongiurare possibili carenze.

Allo stesso modo il bilancio e l’EQUILIBRIO IDRO-ELETTROLITICO ricoprono un ruolo basilare per la funzionalità e l’efficienza fisiche, basti pensare alla nostra composizione corporea fatta principalmente di acqua o al coinvolgimento del sale nella generazione di impulsi elettrici a livello cardiaco e nervoso. A tal proposito è auspicabile un buon grado di idratazione giornaliero incentivabile, eventualmente, con aromatizzanti come Bolero e la supplementazione di Sali e minerali come MAGNESIO, POTASSIO, ZINCO ecc.

Altro fattore chiave per lo sportivo è il RIPOSO associato al RECUPERO.

Un buon sonno e del tempo a riposo sono essi stessi parte integrante dell’allenamento. L’organismo necessita tempo per ripristinare la sua omeostasi “rotta” tramite lo “stressor” allenamento: il RECUPERO può essere incentivato attraverso sostanze capaci di assecondare e ottimizzare i processi di riparazione, ad esempio l’amminoacido GLUTAMMINA sembrerebbe giocare a favore di questi parallelamente all’azione benefica sul nostro secondo cervello, l’intestino, il quale, se in salute, garantisce il benessere in toto.

Ricordiamoci, dunque, che è vero che lo sport fa bene ma se fatto bene e se accompagnato da uno stile di vita sano e bilanciato sotto tutti i punti di vista primo fra i quali l’alimentazione. Tuttavia, spesso, la sola alimentazione può non riuscire a coprire esaustivamente quanto il corpo richiede ed è per questo che si può far affidamento sull’ INTEGRAZIONE purché sia di QUALITA’ CERTIFICATA e prescritta da un PROFESSIONISTA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *